Fate discepoli tutti i popoli
Mt 28,19
RIFLESSIONE
VANGELO
Es 34,4b-6.8-9; cant. Dn 3,52-56; 2Cor 13,11-13; Gv 3,16-18
Gv 3, 16-18 Dal vangelo secondo Giovanni Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio.
30/5 DOM SS. TRINITA' Anno B [P]
Il mistero di oggi ci fa porre lo sguardo sulla vita del nostro Dio. Egli è amore di Padre, è amore ubbidiente di Figlio, è amore che ci unisce come veri fratelli. Guardando il nostro Dio, vediamo un unico amore, che ci fa diventare attenti come un padre verso chi è fragile, ubbidienti come figli a chi ci guida, desiderosi che tutti seguano Gesù: non c’è bene più grande di questo.