Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace!
Lc 19,42
RIFLESSIONE
VANGELO
1Mac 2,15-29; Sal 49; Lc 19,41-44; a Trento 1Re 8,22-23 opp. 1Pt 2,4-9; Sal 83; Lc 19,1-10
Lc 19, 41-44 Dal Vangelo secondo Luca In quel tempo, Gesù, quando fu vicino a Gerusalemme, alla vista della città pianse su di essa dicendo: «Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi. Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».
18/11 GIO XXXIII° T.O. [I]
Parole dure quelle pronunciate da Gesù nei riguardi della città santa! Essere la città del tempio, la città santa per tutti, non serve a nulla, non è garanzia di stabilità. Unica garanzia di vita e di vero benessere è la presenza di Gesù: se scacci lui, non ti resta nulla.