Egli imponeva loro severamente di non svelare chi egli fosse
Mc 3,12
RIFLESSIONE
VANGELO
1Sam 18,6-9;19,1-7; Sal 55; Mc 3,7-12
Mc 3, 7-12 Dal Vangelo secondo Marco In quel tempo, Gesù, con i suoi discepoli si ritirò presso il mare e lo seguì molta folla dalla Galilea. Dalla Giudea e da Gerusalemme, dall'Idumea e da oltre il Giordano e dalle parti di Tiro e Sidòne, una grande folla, sentendo quanto faceva, andò da lui. Allora egli disse ai suoi discepoli di tenergli pronta una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero. Infatti aveva guarito molti, cosicché quanti avevano qualche male si gettavano su di lui per toccarlo. Gli spiriti impuri, quando lo vedevano, cadevano ai suoi piedi e gridavano: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli imponeva loro severamente di non svelare chi egli fosse.
20/1 GIO II° T.O. [II]
Gesù, tu proibisci agli spiriti cattivi di manifestare chi tu sei: essi non lo fanno per amore a te e di chi ti ascolta. Solo coloro che ti amano parlano rettamente di te. Guidaci con la tua luce affinchè siamo testimoni di te con la vita, più che con le parole.