A Dio tutto è possibile
Mt 19,26
RIFLESSIONE
VANGELO
Ez 28,1-10; sal: Dt 32,26-28.30.35-36; Mt 19,23-30
Mt 19, 23-30 Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile». Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi».
16/8 MAR XX° T.O. [IV]
Gesù sta rispondendo al turbamento dei suoi discepoli. Anch’essi se la vedono brutta, perché anche nel loro animo c’è sempre l’attrazione della ricchezza, quella che impedisce l’ingresso al regno dei cieli. A Dio è possibile togliere dal nostro cuore questa seduzione: glielo chiediamo?